Centro Studi Documentazione Memoria Orale

NOTIZIE


05/03/16

Chantar l'uvern: una stagione culturale in grande stile in Valle di Susa e Val Chisone

Chantar l'uvern: ina sezhon culturala an greunn tapadzo an Val Suze e Val Clhuzon

A metà del suo cammino, la X edizione della stagione culturale di Chantar l’uvern sta dando eccellenti risultati. Sin dal suo esordio, sabato 5 dicembre 2015 presso la sede dell’Ente aree protette delle Alpi Cozie di Salbertrand, la rassegna Chantar l'uvern: frammenti di lingua e cultura occitana, francoprovenzale e francese ci sta abituando a momenti di estremo interesse che vanno dagli spettacoli teatrali ai concerti e dalle serate da ballo a riflessioni su tematiche inerenti il territorio e la sua gente.
Ricordiamo che essa riguarda i 18 comuni che afferiscono alle aree protette delle Alpi Cozie e che l’iniziativa è figlia della proficua sinergia che si è creata, ormai da diversi anni, tra l'Ente aree protette, Chambra d'Oc - "Lingue Madri" per la promozione della cultura della Città Metropolitana di Torino - e il Consorzio Forestale Alta Valle di Susa.
Proprio da Stefano Daverio, presidente dell’Ente aree protette delle Alpi Cozie, provengono parole entusiaste: “Chantar l’uvern sta riservando ottime soddisfazioni. La folta partecipazione dei valligiani e dei turisti ci sprona a dire che si tratta di un appuntamento al quale non si vuole rinunciare e che il territorio attende con vera trepidazione. Le aree naturali protette che oggi rappresento non potrebbero esistere senza l’apporto e il capitale culturale che il territorio esprime. Chantar l’uvern vuole essere un segno tangibile di profonda attenzione che poniamo verso le nostre comunità e verso quanto esse sanno comunicare”.
Altrettanta positività trapela dal commento di Luca Giai, vicesindaco del comune di San Giorio di Susa: “I Tir na d'Oc ci hanno offerto una grande serata di musica con un pubblico numeroso e partecipativo. Siamo molto contenti che Chantar l’uvern stia diventando una buona abitudine e San Giorio è sempre disponibile a ricevere questi momenti che riescono a trovare il gradimento della gente, soprattutto dei locali. Un grazie di vero cuore agli organizzatori e a tutti coloro che, da tanti anni, continuano a sostenere questa iniziativa”.
Il 6 febbraio presso la bella chiesa parrocchiale di Savoulx si è esibito il gruppo musicale Aire de Prima. In quell’occasione era presente il vicesindaco del comune di Oulx, Paolo Terzolo. Anche lui non nasconde soddisfazione: “Vedere la bellissima chiesa di Savoulx stracolma ci conferma che Chantar l’uvern è diventata un’attesa consuetudine. La partecipazione di tanti turisti, ma soprattutto di molti ulcensi, ci gratifica come amministratori e ci sprona a sostenere ogni tipo di proposta che riesca ad arricchire la nostra comunità. Ringrazio l’Ente aree protette Alpi Cozie, Chambra d’Oc e il Consorzio e auspico che Chantar l’uvern ci possa regalare altre edizioni di musica, cultura ed emozioni”.
Dopo questa carrellata di suggestioni, invitandovi a essere sempre di più e sempre più motivati, ricordiamo i prossimi appuntamenti che il programma ancora ci offre sino a Pasqua:


27 febbraio - Pragelato - Piccole scuole di montagna - Casa Pragelato - ore 21.00
27 febbraio - Salbertrand - Sagrinte nen - Salone polivalente - ore 21.00
27 febbraio - Roure - Chantar l’uvern - Centro sociale di Castel del Bosco - ore 21.00
19 marzo - Meana - 12 canti per 12 lingue - Salone polivalente - ore 21.00
20 marzo - Chiomonte - Purus Purì - Fraz. Ramats - ore 16.00
28 marzo - Avigliana - Dançar a la chantarèla / Balà an chantant - Piazza Conte Rosso - ore 15.00


Per approfondimenti sugli spettacoli visionare l’homepage del sito www.chambradoc.it
franco-provenzale
A moueità de son tsemin, la X edishon de la sezhon culturala de Chantar l’Uvern lhe no dóne de rezultà formidablo. Dipé son prensipio, desòndo 5 dezeimbro 2015 din la sede de l’Ente aree protette delle Alpi Cozie de Sabaltròn, lo programo de Chantar l'Uvern: frehalhe de leinga e de culteura ousitòn-na, francoprovensala e franséza lh’eut apré amuhiéno a de momeunn de greunt intré qu’ou vont di spetaclho teatralo a li consert e de le vefrenaie de bòl a de refleshon desù de témo inereunn lo teritouéro e se dzènn.
D’ansevenein que lh’anterêshe le 18 comeune qu’ou l’apartêno a les ére tutelaie de les Alpe Cozie e que lo prozhé ou l’eut garson de la fozoneinta colaborashon ahabliò din li eunn, antre l'Ente aree protette, Chambra d'Oc - "Leingue Mare" pre la promoshon de la culteura de la Setà Metropolitòn-na de Turin - e lo Consorsho Forestalo Hota Val Suze.
Pedzò de Stefano Daverio, presideunn de l’Ente aree protette delle Alpi Cozie, ou vêno de parole dzouiouze: “Chantar l’Uvern ou no balhe de sodisfashon. La partisipashon fehiò di localo e di touristo lhe no deut que de sein an prezein-he d’in apouintameunn o quin i se vout pa renon-hià e que lo teritouéro ou l’ateunt avó greunta trepidashon. Les ére naturale tutelaie qu’incoueu me de reprezeinto, ou poudriont pa iéhre sein-ha la contribushon e lo capitalo culturalo que lo teritouéro ou pórte. Chantar l’Uvern ou vout iéhre lo sinho evideunn de la profonda atenshon que d’ein vers nóhre comunetaie e vers heunn qu’ou saho comunicà”.
In esprit samblablo ou merdzeit do comantéro de Luca Giai, santicó dzouinto de la comeune de Sein Dzouiro de Suze: “Li Tir na d'Oc ou nos ont semonù ina greunta vefrenà de meuzica avó in peblicco nembroù e partisipativo. De sein conteunn que Chantar l’Uvern ou sisse ina bon-na abiteude e Sein Dzouiro ou l’eut delon desponiblo a resêvre hi momeunn qu’ou l’arseiso a trovà l’agremeunn de le dzènn, desutòt di localo. In grèsha de cór a l’organizashon e a tpi hi que, dipé bieunn d’eunn, ou soutêno he prouzhé”.
Li 6 de fevrê din la bèla eglhize de Savou i s’èt prezeintà lo greup mezicalo Aire de Prima. A hl’ocazhon i avèt lo santicó dzouinto de la comeune d’Ouls, Paolo Terzolo. Aseu loueu ou catse pa sa sodisfashon: “A vê la bieunn bèla eglhize de Savou fehiò, lhe no confirme que Chantar l’Uvern lh’eut devenouò ina abiteude atandouò. La partisipashon d’ina vriiò de touristo, ma pedzò de gro de dzènn d’Ouls, lhe no gratifìie an teunn que aministratour e lhe no balhe in segròl afin de soutenì tsaque propozishon que lh’arsisse anretsì nóhra comunetà. De ringrasho l’Ente aree protette Alpi Cozie, Chambra d’Oc e lo Consorzio e d’espêro que Chantar l’Uvern ou polisse donano d’otre edishon de meuzica, culteura e emoshon”.
Apré he pasadzo de comantéro, an vos anviteunn a iéhre delon de plu e delon plu protso, d’ansevenein li apouintameunn protséno que lo programo ou no semont acourò tein qu’a Pasque:


27 fevrê - Pradzalà - Petiote escóle de montinheù – Mouizhon Pradzalà - oure 21.00
27 fevrê - Sabaltròn - Sagrinte nen - Salon polivaleunn - oure 21.00
27 fevrê - Roure - Chantar l’uvèrn - Sintro sosialo de Tsahèl do Bouê - oure 21.00
19 mars - Miana - 12 tsahon pre 12 leingue - Salon polivaleunn - oure 21.00
20 mars - Tsemon - Purus Purì - Ramats - oure 16.00
28 mars – Vilhòn-na - Dançar a la chantarèla / Balà an chantant - Plahe Conte Rosso - oure 15.00


Pre aprofondimeunn desù li spetaclho avouità l’homepage do sito www.chambradoc.it