Centro Studi Documentazione Memoria Orale

NOTIZIE



FOUIASA DE DZALHOUN - FOCACCIA DI GIAGLIONE

Ricetta di Giaglione

Intervista di Bussolotti Francesca a Campo Gras Elvira della Creusa


Que de coutuma lhèt deloun pèr Sèin Visuen que è lou patroun de Dzalhoun.
- de farinò
- de lèt
- duè etò de sicrò
- duè etò de beuro
- duè uva in limoun
- in blus de sal

Fare eitebié in quart de lèt, angiouentèie lou beuro è lou sicrò, in blus de sal è travalhevo bén ; apré bit lhi uva, iunt a pèr col, avé la crofa d’in limoun, la farinò , in bleuq a pèr col. Ampastèvo in impast morbid, e a la fin angiouentèje inna bustina de lievit ; apré infournevo ao fort a 180 gradi ; in col, bitavoun de lievit natural e apré lou lievit de bira, ma arò biten la bustina , se fèt pi lèsto.



Che d’abitudine è solamente per San Vincenzo che è patrono di Giaglione.
- farina
- latte
- due etti di zucchero
- due etti di burro
- due uova
- un limone
- un pizzico di sale

fare intiepidire il latte, aggiungere il burro e lo zucchero, un pizzico di sale e lavorarlo bene, poi mettere le uova, una per volta, con la scorza del limone, la farina un po’ per volta, impastarlo in un impasto morbido, e alla fine aggiungere una bustina di lievito e poi infornarlo a 180 gradi. Una volta mettevano l lievito naturale e poi il lievito di birra, adesso mettiamo la bustina, si fa prima.



Ascolta la ricetta:
http://www.cesdomeo.it/archivio_audio.asp