Centro Studi Documentazione Memoria Orale

NOTIZIE



Menetra de tsatinheus e Tsatinheus e vin

Ricetta di Giaglione ( fine inverno, primavera)

Intervista di Bussolotti Francesca a Campo Gras Elvira della Creusa


Tan quë le tsatinheus soun setseus, arive caz deloun a fevrìe, piou o mèno, tan que soun secheus, le poulidiiaun bèn, apré, venioun bèle blèncheus, apré fesiiàn la menetra.
Le bitiiàn quouèire avei in bleuq d’èiva e in pëtsët bleuq de sal e aprée, tan que ièroun à la mèità que ièroun quouèiteus, i anjouentiian in bleuq d’ oerdzo o de ri, avé lou lèt, apré livriian de fare quouèireleus tsé din , e que ière inna virà bouna.
De matin se n’avansave i anjouentavoun in blëuq de lèt se ière trot éipesò e la mindzavoun pèr fare deidzun.

E deloun le mèime tsatinheus blèncheus soun asì bien bouneus avèi lou vin è de tsoutenh, tan que aliian sapé la vinhò, na pourtiian aprée è li mindziian avèi in bleuq de vin… e nou gavave la fam è la sèi !

“Minestra di castagne” e “ Castagne e vino”


Quando le castagne sono secche, succede quasi sempre a febbraio, più o meno, le pulivamo bene, poi venivano belle bianche, e facevamo la minestra.
Le mettevamo a cuocere con un po’ d’acqua, e un pochino di sale e quando erano a metà cottura aggiungevamo un po’ d’orzo o riso, con il latte e poi finivamo di farle cuocere lì dentro, e buone che erano.
Al mattino, se ne avanzavano, aggiungevamo un po’ di latte se la minestra era troppo spessa e la mangiavamo per colazione.

E, sempre le stesse castagne bianche, sono anche molto buone con il vino e in estate , quando si andava a zappare la vigna, ne portavamo appresso e le mangiavamo con un pò di vino, …e ci toglieva la fame e la sete!


Ascolta la ricetta:
http://www.cesdomeo.it/archivio_audio.asp