Centro Studi Documentazione Memoria Orale

NOTIZIE



LE RIZOLEUS – a Dzalhoun

Dolce tipico francoprovenzale, “le Rissoles”.

Intervista di Francesca Bussolotti a Maria Giovanna Ferrando della Borgata San Giuseppe


Pèr fare le rizoleus ie vèt:
lou lèt
lou boero
de sicrò
in blus de sal
la farinò
lhi uvva
lou limoun grataa
de poumës
d’ amaretti o de savouiard
la sounza o d’ouèle

Din inna caserola, bitën lou lèt, fëseun foundre lou boero, anjouintën lou sicrò e in blus de sal.
Su la tsapoulèira, bitën la farinò, lhi uvva antìe, lou limoun grataa; travalhiën tot, d’avéi na pata bén counsisteunta.Da part, fazën couèire le poumeus , mièlh se de raneteus; anjouintën lou sicrò, li amaretti o li savouiard, an maniera que la marmelada lhe fuoise pa trot mola.
Eitendën la pata e bitën , a quilhieraa, la marmelada , sarën avei in ooutro feulh; talhën a caraa, fasën fricasé d’in l’ouèle. In col, fazion fricasé din la sounza.





Per fare le “rissoles” occorre :
il latte
il burro
dello zucchero
un pizzico di sale
la farina
le uova
il limone grattugiato
delle mele
degli amaretti o dei savoiardi
lo strutto o dell’olio

In una casseruola,mettiamo il latte, facciamo fondere il burro, aggiungiamo lo zucchero e un pizzico di sale.
Sul tagliere, mettiamo la farina, le uova intere, il limone grattugiato; lavoriamo tutto per avere una pasta ben consistente. A parte, facciamo cuocere le mele, meglio se sono ranette; aggiungiamo lo zucchero, gli amaretti o dei savoiardi in modo che la marmellata non sia troppo molle.
Stendiamo la pasta e mettiamo, a cucchiaiate , la marmellata, chiudiamo con un’altra sfoglia; tagliamo a quadrati e facciamo friggere nell’olio.Una volta, si faceva friggere nello strutto o sugna.