Centro Studi Documentazione Memoria Orale

NOTIZIE



Fricandò di Gravere

( intervista di Francesca Bussolotti a Silvana Morello)


I vèit:

Cert ( de vacha, de pouerc….)
Tartiffle
Sive
Alh
Goest : ginèivro, ourìe, roumanin
inna marmitta


Fare fricasé la cert talhà a pechit toc e farla rousoulé ben; biteye in peshoun de sal, anjouinteje inna siva chapoutà, inna fleccha d’ alh è inna crelhà de conserva de toumatique, na folha d’ ourìe, in toc de roumanin, è in poc per col, de boulhoun o d’ éiga è fariò queire a pechit fuvve.
A meità couturra, biteye de tartiffle talhà a gros caroun, e, se a ièt besonh, incò in poc d’ éiga o de boulhoun. Fare quouèire a pechit fuvve.



Occorre :

Carne ( di mucca, di maiale…)
Patate
Cipolle
Aglio
Erbe aromatiche: ginepro, alloro, rosmarino
Una casseruola

Fare soffriggere la carne tagliata a piccoli pezzi e rosolarla bene; metterci un pizzico di sale, aggiungervi una cipolla tagliuzzata, uno spicchio d’aglio e una cucchiaiata di conserva, una foglia di lauro, un pezzo di rosmarino, e un po’ per volta, del brodo o acqua e farlo cuocere a fuoco lento.
A metà cottura, aggiungere le patate tagliate a grossi pezzi, e, se occorre, ancora un po’ d’acqua o brodo. Fare cuocere ancora a fuoco lento.