Centro Studi Documentazione Memoria Orale

La feta dou Sauzë dë Sëzanà

Perrachon Lorenzino - Le feste di SAUZE DI CESANA





La festa invernale più sentita era il carnevale che durava anche una settimana. Era rappresentato da 17 – 18 personaggi che vestivano abiti preparati dalle ragazze del paese, c’erano il Carnevale e la moglie, i carabinieri, gli arlecchini l’avvocato, la “doppia”, la vecchia e la Quaresima… A fine della rappresentazione si svolgeva il processo al Carnevale che veniva condannato lasciando spazio alla Quaresima. Si faceva il giro di tutte le borgate e la gente offriva delle uova, dei piccoli doni ed alla fine della settimana il “raccolto” veniva consumato con grande allegria e contemporaneamente veniva bruciata la vecchia (due fascine di legna) a chiusura del Carnevale.

ITALIANO ITALIANO

Le feste di Sauze di Cesana

- Quali erano le feste que facevi a Sauze di Cesana?
- Oh, noi di feste, d’inverno andavamo sugli sci.
- Non c’era la festa di San Giacomo?
- Ah, beh, d’estate si facevano di più perché c’era più gente e allora c’era il ballo.
- E d’inverno?
- D’inverno andavamo a sciare. E la festa di Natale?
- Non facevate nulla a Natale?
- Cosa ti regalavano i nonni?
- I nonni mi regalavano due soldi in quei tempi. Due soldi e qualcuno quattro soldi. Poi qualcuno regalava magari due mandarini, due fichi, due noci, tutto qui.

Ci dicevano buon giorno buon anno che tu abbia la salute per tutto l’anno. Qualcuno magari ci diceva: Porta bene o porta male…

- Chi è che preparava per carnevale?
- Le ragazze.
- Quante maschere c’erano?
- Eravamo diciassette o diciotto, poi il gruppo che preparava…
- Ma dimmi un po’ i nomi, che personaggi c’erano?
- Oh, ce n’erano di personaggi: c’era il carnevale e sua moglie. Poi c’erano due arlecchini, poi c’erano due carabinieri, due medici, poi c’era la maschera doppia, la Quaresima…
- E il processo che giorno lo facevate?
- Il processo lo facevamo l’ultimo giorno di carnevale, il martedì.
- Tutti i paesi facevano il processo il martedì? E com’era il vostro processo, ti ricordi ancora qualcosa?
- Oh certo, mi ricordo che noi, per esempio gli arlecchini ad un certo punto, alla sentenza, c’era uno che faceva l’avvocato, no, e ci ha detto che avevamo fatto delle malefatte e questo e quello. E noi gli abbiamo detto che non avevamo fatto nulla di straordinario. Che avevamo solo girato per il paese e che tutti ci avevano ben ricevuti.

Così se voi volete fare un bel giro. Entrate nel tribunale dei ciarlatani. Attraversate la Russia, la Spagna e l’Autagne [è il nome di un alpeggio].

- E alla fine il carnevale veniva…?
- Alla fine il carnevale era condannato e…
- Gli sparavano?
- Eh sì.
- Gli sparavano.
- Sì.
- Moriva e poi?
- Poi la Quaresima faceva un po’ il pazzo [solo uomini impersonavano le maschere del carnevale].
Scuoteva le sue campane. - Vinceva il processo!
- Bruciavate anche la vecchia?
- Bruciavamo anche la vecchia.
- Quando?
- Il giorno proprio non so dirlo. Qualche giorno dopo.
- Qualche giorno dopo. E come si svolgeva?
- Oh, si faceva lì, con due fascine di legna

OCCITANO OCCITANO

La feta dou Saouze.

- Calla z’éran la feta que t’fazìa ou Saouze ?
- Oh ad feta nou... nou d’uvért, nou prenon souz asquì.
- La nh’èra pa la feta do Sen Zhaque?
- Ah beh, d’ità ouai laz uzavë un po ‘d moui parqué nh’éra ancà mouei ‘d jent e… la nh’éra el bal entloura.
- E d’uvért?
- E d’uvért nouz anavan s’louz asquì. E lafeta ad Charenda ?
- Fazìe pa nhente a Charenda?
- Se que ti regalavou lou noni?
- Eh, lou noni me regalavou din que moument iquì dou soou. Dou soou o cacun cat soou. Peui cacun dounavå magar doua mandarina o doua fica, doua cocca, tut iquì.

Nou dizioun boungioù boun an gardà la sandà par tou l’an. Cacun nou dizian magara : Port le boneur o la port maleur...

- Qui l’i qu’ou l’aprestava par el carneval ?
- La filha.
- Cante masca la nh’aìa ?
- Nou nh’eron darsét o daseuch ; peui la coumpanhia qui aprestava…
- Ma dime an poou lou nous, que persounage la nh’aìa ?
- Oh la nh’éra ad persounage: la nh’éra el Carnavà e sa Fenna. Peui la nh’éra doue Arlequìn, peui nh’éra dou Carabinìe, dou Medsì, peui nh’éra la Doubbla, la Caréima…
- E, el proucés que jurt lou fazìa?
- El proucés lou faziou… el darìe jourt ad carneval, el mars.
- Ma touttou lou paìe fazioun el mars lou proucés ? E, coum éra votr proucés, ou s’ansouvenà ancà ad cocaran ?
- Oh boia, m’ansouvenou que nouz aoutre per esempi lez arlequìn a na certa mira e qui a la sentënsa, nh’éra co un qu’ou fazî l’avoucat, no, e a n’z à dit que z’avioun fait ‘d beitiza e que sì e que lai. E aloura nouz autri nou nh’avån dit que nouz avioun pa fait ran dë straourdinér. Que ‘z avioun virà dint le paì que tou ‘l mount ‘z avìa bian arsebù, e oualà.

Ainsi ainsi si vous cherchaiz gran valser. Entraiz le tribunal des charlatans. Traversaiz la Russie l’Espagne et l’Otannhë. [francese]

- E a la fin el Carnavà venìa… ?
- A la fin el Carnavà restava coundanà e…
- E i tiravou co?
- E ouéi.
- I tiravou?
- Ouéi.
- E ou mourìa e peui?
- Peui la Caréima fazìa un paou ‘l fol … soupatava sa sounalha.
- Ganhava el prousé!
- E ou brulava la velha co apré?
- Brulavan co la velha.
- Cant?
- Eh, proppe el jourt péou pa ou dir. Coccou jourt apré.
- Coccou jourt apré. E co l’éra... ?
- Oh, ‘l fazian iquì doua feisìna ad bôc...



Riferimenti
Ce.S.Do.Me.O. - Centro Studi Documentazione Memoria Orale | Fraz. San Giuseppe, 1 - 10050 - GIAGLIONE (TO)
CONTATTI
0122-31430