Centro Studi Documentazione Memoria Orale

L'istouarå dë sa vitå

Berton Maria - La storia della sua vita - SAUZE DI CESANA



ITALIANO ITALIANO

Sposarsi

- Io mi sono sposata nel Cinquantasette e poi sono sempre stata qui perché i nonni facevano i pastori e andavamo a Torino poi d’estate qui. Poi mio marito aveva il negozioe andava a vendere con il camion ed io restavo nel negozio. Vendevo un po’ di tutto. Dal pane alle salcicce, al formaggio, la verdura, i detersivi, tutto.
- Dove facevate rifornimento?
- Lo portavano, a volte andavamo a farlo a susa dai fornitori, poi c’è stata l’abitudine che lo portavano direttamente a casa.
- Ma all’inizio dove si faceva?
- A Susa.
- A Susa?
- Sì.
- C’era un magazzino all’ingrosso a Susa?
- C’erano dei magazzini all’ingrosso dove noi andavamo e caricavamo ciò di cui avevamo bisogno.
- Compravate anche prodotti locali o prendevate tutto fuori? Compravate formaggi, per esempio?
- Certamente, compravamo i formaggi. In seguito, avevamo anche noi gli animali. Così facevamo la toma, i tomini. Li vendevamo in forma ambulante e nel negozio.
- Quando si è sposata con Alessio (???) cos’è che lui… come vi siete conosciuti?
- Ci siamo conosciuti. Stavamo qui, ci siamo conosciuti qui.
- Ma c’erano abitudini, non so, l’uomo andava a chiedere la mano?
- Certo.
- Com’era allora?
- Eh, allora, un po’ prima di sposarsi, lui non aveva più il papà, così è venuto suo zio una sera. Sono venuti da mio padre e da mia madre a chiedere se erano contenti che ci sposassimo.
- Che cos’era la barriera?
- La barriera… non era il mio caso, mio marito non era un uomo soggetto a barriera perché io venivo a stare in paese. la barriera si paga per le ragazze che vanno via. Capite?
- Certo.
- Ecco! A me avevano preparato una piccola tavola con un po’ da bere e così ci hanno ricevuti.
- Chi ve l’aveva preparata?
- Enrico, buonanima e Cibu. Vi ricordate di Cibu?
- Più o meno.
- E di Enrico? Il nostro vicino che stava proprio lì.
- Facevano parte della compagnia dei giovani.
- Ci facevano parte, erano entrambi celibi e sebbene fossero più vecchi, facevano parte della compagnia dei giovani e così ci hanno ricevuto.
- Cos’era il martourés?
- Il martourés era un petardo, aveva una parte fatta come una pipa dove mettevano la polvere poi lo battevano per terra o contro un muro e quello scoppiava.
- E i vetri?
- Ah beh, i vetri li avevano tutti…..ha-ha-haaa!

OCCITANO OCCITANO

S’mariâ

- Mi a m’siou marià dal sincantesèt e peui siou tejoù ità isì perqué moun nonou fazian lou berjìe e nouz anovon a Turin e d’ità isì e peui a m’siou marià dal sincantesèt e sen ità tejou isì. E oualà e apré moun om ou l’avìa el magazin e aloura el l’anavo a vendre be el camion e mi a restavou din el magazin, e oualà e vandiou un poou ‘d tout. Dal pån a la saousissa, al fourmajjë, la vardura, lou detersivi, tout, tout a la fin.
- Andou ou l’anavå a s’prenne el butin?
- A lou pourtavo, ad iage no l’anavån al prenne a Seuiza, da lou fornitours peui apré tondons l’e vangu que lou pourtavou isì a meizoun, là.
- Ma a la coumensament andou la s’prenìa ?
- La s’prenìa a Seuiza.
- A Seuiza?
- Sì, sì.
- La nh’ér un gran magazin a Seuiza?
- La nh’ér ‘d gro magazin que vendioun parì e alour nou anavoun avà e chargiavan s’que l’avioun absoun e s’que... e oualà.
- Ou l’achatava co ‘d butin dou post o ou l’anava toutou ou s’pren ad for? L’achatava ad toummå per dire.
- Ah, peui l’achatava peui ad toummå certo. E peui a ‘n certo punto z’avioun peui co nouz aoutre la bestia. Apré nou fazioun co nou la toumma, lou toumin. E peui z’anoun a s’vendre an poc an gir e peui nou la vendiou din la bouticca e oualà.
- E cant vou s’è marià bou votre Leicio que l’i que Leicio… coume ou s’è couneisù? E coume...
- A nou s’an couneisù. Itavån isì, nouz éran tous isì nou s’an couneisù isì nouz aoutri.
- Ma la nh’aìa ad maniéra per vou… per qui… soou pa mi l’omou ou l’anava a dimandà la mån a…?
- A certo, certo, certo!
- Coum l’ér antlour?
- Eh… alour an påou drån dë s’mariâ èl l’avia pa måi el papà aloura l’e vengu soun ouncl an vèi e… soun vengù da moun pairë e da ma måirë a demandà se i l’eroun countens que nou s’mariavou.
- Se que s’éra la bariéra?
- Eh, la bariéra... mi l’éra pa un om dla bariéra perqué mi aribavou din el paì. La bariéra l’ei quella qui vai via que paian. Comprenoou?
- Certo.
- Ecco! Ma i m’avioun fait una cita tabla iquì ‘mbeù un iage da biour e vai qui nouz an arsebù parìë.
- Qui l’i que l’avìa fai iquén?
- Mi iquì z’avìe fai Ricou bounanima e Cibou. N’ou souroou de Cibou?
- Più o meno sì.
- E ‘d Ricou? Note vizin quel qu’ou l’itava iquì.
- I faziou par ad la jenèsa.
- Faziou par… lh’erou toutou dou da mariâ ma i l’eroun veuls e aloura i l’erou fai par ad la jenèsa e aloura nouz an arsebù parì e peui oualà.
- So que s’éra el martourés?
- El martourés l’éra un cop... lh’avì un afâ que fazia coume ‘na pipa i bitavan la poudrë peui picavou o iquì ba o su tacà na muralha e an iquì l’eicloupava.
- E lou veire?
- Ah beh, lou veire tou ‘l mound la nh’avìa... ha-ha-haa!



Riferimenti
Ce.S.Do.Me.O. - Centro Studi Documentazione Memoria Orale | Fraz. San Giuseppe, 1 - 10050 - GIAGLIONE (TO)
CONTATTI
0122-31430