Centro Studi Documentazione Memoria Orale

Coummë ës fåziå ël pån

Manzon Mario - Sauze di Cesana - COME SI FACEVA IL PANE



ITALIANO ITALIANO

Come si faceva il pane

La gente, a turno, faceva macinare un po’ di grano per fare il pane, il pane di segale che dava molto lavoro, che purtroppo io ho fatto. Bisognava impastare con l’acqua bollente. Si versava l’acqua bollente nella farina e si utilizzava una paletta di legno perché con le mani non si poteva impastare e così, con la paletta di legno, si mescolava bene l’acqua bollente con la farina, che già cuoceva un poco la farina. Poi, quando non era più tanto calda, allora si poteva impastare ben quel pastone con le mani. Poi lo si lasciava riposare nella madia per ventiquattrore. Ventiquattrore dopo si impastava nuovamente poi la si lasciava di nuovo lievitare per ventiquattrore. Doveva lievitare bene. Dopo quarantott’ore, mentre nella notte si era acceso il fuoco, nel forno che c’è qui si poteva infornare. Quattro ore doveva cuocere, doveva restare nel forno quattro ore perché ben cotto lo si conservava per un anno. Dopo un anno era ancora buono, era duro ma era intatto.
- Era duro, ma ne ha fatto tanto…
- Ne ho fatte tante di quelle infornate. Per noi e per gli amici e i vicini che a volte avevano bisogno di un aiuto. Ci si aiutava gli uni con gli altri, soprattutto per fare il pane.
- Quando uno accendeva il forno, serviva anche per tutti i vicini.
- Si facevano i turni, magari una famiglia dalle otto a mezzogiorno, l’altra da mezzogiorno alle quattro. Il forno serviva per tutto il paese e si scrivevano i turni: oggi passa Manzon, dopo Manzon c’è Berton, dopo Berton c’è Princlari, poi Prinderre, Rigat. Si faceva il turno di tutto il paese.
- Che grano usavate per fare il pane?
- Usavamo la segale perché il frumento non maturava bene. Nei paesi di Desert e di quelle zone il frumento maturava bene, nei nostri campi in alcuni maturava e in altri più freddi si tribolava un po’. Non era una zona adatta, qui da noi era la zona del pane scuro, di segala. La si seminava anche in località Plane, in valle Argentera. In valle Argentera c’era della segale impeccabile.

OCCITANO OCCITANO

Coummë ës fåziå ël pån

La jent a tourni ou fazioun moulinà an paou de gran par fâ el pån, fâ el pån de blà que dounave un baroun ad travalh, que pourtrop a l’ai fait. La vantava ampatà e fâ l’aiga bulhenta. L’aiga bulhenta vueidà din la farina e uzavan una paletta de bôc perqué coun la mån la poian pa ampatâ e aloura coun la paletta de bôc ou meiclavan bian l’aiga bulhenta bou la farina, que couìa un paou la farina. Peui cant i l’éra pa måi tan chaudë alour s’anavë bou la mån e l’ampatavou bian ste patoun. Peui lou leisavoun din la moi per vintecattr’oura. Vintecattr’oura apré ou tournavou repatâ sta pata peui tourn vintecattr’oura di levatura, levagge, la levà qu’a fousa bian calmå. Apré carantieut oura iéra qui a noou, sì l’amico, avìa anviscà el fùe, el four qu’i l’ai sì e l’anviscavou el fue e puei i l’anfournaou. Catr’oura la vantavë que la couiése, catr’oura din el four douvî restà el pån perqué bien cueit le counservavou un an, un an. Apré un an l’éra ancà boun, s’asgueirava pa, a l’éra dû però l’éra intat.
- A l’éra dû, mica poc a na fai...
- A n’ai fait ad cla fournea iquì. Per nou e peui per lou coulega, lou vizì que d’iagi l’avian bsoun d’un co ‘d mån. E la s’dounà la mån l’un cou lh’aoutri sourtoù anche per fournià...
- Cant un ou l’aloumava el four la servìa anche per toutti lou vizì perqué...
- Ecco, usavamo a turni, a turni una famiglia l’éra magara da veuchi a meijù, l’altra da meijù a catr oura, a turno. El four a s’deijalava per tut el paì e a s’eicrîou: enqeui pasa Manzoun, apré Manzoun la lh’à Bertoun, apré Bertoun la lh’à Princlari, apré Princlari la lhà Prinderre per modo di dire la lh’à Rigat. Fazian lou tour ad tout el paì.
- Que gran ou l’utilizava par fâ el pån?
- El pån uzavo el blà perqué el frumen isì a mount a meirava pa guaire. Lou paî que vai a Dezerta e que vai iciaou la meirava el frumen e nui si ‘d campannha la meiravan e ‘d certe campannha er un paou tutta freda la s’tribulava ‘n paou. L’ér pa propi la zona nou l’ér la zona ad pån ‘d sér, pån dë blà, di segala, e allora quello lì si seminava anche alle Plane a l’Argenterå, a l’Argenterå la lh’éra de blà impeccabile…



Riferimenti
Ce.S.Do.Me.O. - Centro Studi Documentazione Memoria Orale | Fraz. San Giuseppe, 1 - 10050 - GIAGLIONE (TO)
CONTATTI
0122-31430